HOME

Les Garçon

Les Filles

Nouveauté

Les Bébés

Les Dynasties

Il libro

La Razza

Hanno parlato di noi Email

 


PRESENTAZIONE DELLA RAZZA BOULEDOGUE FRANCESE

Il primo Bouledogue francese è arrivato nel lontano 2000, come “dama di compagnia” di una splendida femmina di cane corso italiano. Tale scelta era legata a motivazioni di ordine pratico: cercavo qualcosa di piccolo (adatto alla vita in appartamento), ma non troppo e che fosse al tempo stesso sufficientemente solido da stare al passo con i giochi a volte un po’ irruenti del cane corso. Mai scelta fu più appropriata. Rosita (Betonlaky Harcòs Hadèl) assolse egregiamente al suo compito mettendo prontamente in riga l’incredula coinquilina a quattro zampe e mi conquistò a tal punto con la sua “bellezza” e soprattutto con il suo carattere, che una manciata di mesi più tardi già arrivò Ermione. Ermione era bella davvero, e la sua bellezza (stavolta senza virgolette!) fu riconosciuta da molti Esperti Giudici che nel corso di numerose Esposizioni le permisero di conquistare diversi titoli di campionato... E a me di cominciare questa meravigliosa storia che da 15 anni riempie e gratifica la mia vita…


Diffusione del Bouledogue francese in Italia

Il Bouledogue in Italia è una razza in crescita esponenziale, basti pensare che nel 2000 i soggetti iscritti ai libri genealogici erano 194, e che nel 2013 per la prima volta è stata superata la boa dei 1000 con l’iscrizione di ben 1218 soggetti! Questo trend in continua ascesa non conosce battute d’arresto; il boule piace e conquista: sarà la sua espressione “umana” con quegli occhioni tondi e frontali, sarà il suo aspetto apparentemente imbronciato, dato dal muso rincagnato, e allo stesso tempo da clown per le grandi orecchie da pipistrello, o il suo carattere ostinato e al tempo stesso dolcissimo, fatto è che per le strade se ne incontrano tanti, che i giardinetti ne sono frequentatissimi, così come anche affollati sono i ring delle esposizioni di bellezza. Tra le razze da compagnia, possiamo sicuramente affermare che il bouledogue è oggi una di quelle maggiormente di moda, con tutto quanto di positivo e di negativo tale situazione comporta.

Il Bouledogue francese: pregi & difetti

Come dicono giustamente i francesi, il Bouledogue più che un “cane” è un “qualcuno”; colpisce di questa razza la fortissima personalità che li rende da un lato tutti meravigliosamente diversi, dall’altro tutti uguali in alcune caratteristiche: le rughe e il muso apparentemente imbronciato esprimono il lato testardo ed orgoglioso del loro carattere, le orecchie il lato ironico, gli occhi grandi, rotondi, scuri, aperti e fiduciosi sul mondo una dolcezza ed una capacità di amare infinita. Il loro animo fiero e nobile li rende capaci di un amore convinto e consapevole e mai servile. Proprio per questi aspetti sono cani impegnativi, che hanno bisogno di sentirsi costantemente al centro dell’attenzione e legittimati nel loro ruolo di compagni “alla pari”. Se riusciremo a dare al nostro boule quanto richiede, saremo ricambiati dalla incommensurabile gioia di avere più che un “cane” un “amico”, compagno e complice a tutto tondo della nostra vita.

Il Bouledogue francese: bellezza & salute

Il bouledogue è un cane sano e robusto; le sue tanto apprezzate caratteristiche fisiche, quali il muso schiacciato, il tronco raccolto, le zampette corte e la codina arrotolata, tuttavia altro non sono che anomalie scheletriche selezionate nel tempo e fissate per dare alla razza il suo aspetto così accattivante. Occorre perciò prestare molta attenzione nella selezione ad alcuni rischi sanitari che sono sempre dietro l’angolo. Tra questi, i principali sono: le patologie respiratorie, legate a narici troppo strette, palato molle allungato o restringimento del primo tratto della trachea, le patologie dell’apparato scheletrico (colonna vertebrale) e locomotore (lussazione della rotula), le oculopatie e le patologie cardiache. Se a tutto ciò si aggiungono le difficoltà legate alla riproduzione, con il frequente ricorso ai parti cesari, ben si comprende come l’allevamento del Bouledogue francese non sia un’attività adatta a tutti e il motivo per cui i cuccioli ben selezionati di questa razza hanno un costo importante.

Quali sono i suoi consigli a chi porta a casa un cucciolo di Bouledogue francese?

Innanzitutto il consiglio di informarsi, documentarsi per essere in grado di fare una scelta consapevole sia per quanto riguarda la razza, sia per quanto riguarda l’allevatore a cui rivolgersi. E sottolineo la parola “Allevatore”, dal momento che per i motivi esposti, difficilmente canali diversi da quelli di un allevamento selezionato portano ad un cucciolo “sicuro”, che sia garantito per tipicità, carattere e soprattutto salute. Diffidate dalle occasioni quindi: il Bouledogue è una razza difficile da allevare e spesso i “buoni affari” nascondono delusioni e sofferenze ed alimentano il vergognoso mercato dei cani importati senza regole né controlli. Il Club Cani Compagnia, unica società specializzata ufficialmente riconosciuta per la tutela della razza, è da sempre accanto a chi si avvicina a questa splendida razza rispondendo ai più frequenti quesiti ed indicando nel proprio sito www.clubcanicompagnia.it gli allevatori selezionati che operano nel rispetto delle regole dell’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana e che hanno sottoscritto un codice etico di comportamento.

 

Web Site created by Cani Campioni - Dog Web Design © A. Vergara  All rights reserved